IL TUO ITINERARIO

PARTE 2 - INTERO PERCORSO SU MAPPA

Dal 30-08-2022 al 03-09-2022 (5 giorni)

GIORNO 8 (30/08/2022)

MAPPA PERCORSO

ITINERARIO GIORNO 8

Mattina

SPIAGGIA E OASI BIDEROSA

Cinque cale di sabbia candida di fronte al mare smeraldo

Amazing barbagia oasi di biderosa

Il bianco splendente della sabbia si spalancherà davanti a te all’improvviso dopo una lunga strada incorniciata da ginepri, pini e lecci. La sensazione è di un luogo fuori dal mondo, in realtà esiste, eccome, è l’oasi di Bidderosa: cinque calette da sogno custodite in un parco di 860 ettari, in gran parte formato da boschi e macchia mediterranea, protetti dall’Ente Foreste e affidati al Comune di Orosei. L’ingresso in auto e moto è a numero chiuso da maggio a fine ottobre, in bici o a piedi non c’è limite stagionale, ma si deve rispettare un regolamento per preservare questo angolo di quiete immerso nel verde.

  • Parcheggio: Presente un parcheggio all’ingresso dell’oasi. Da la consigliamo di noleggiare una bici oppure a piedi.
  • Accesso: Sono presenti vari percorsi, tutti segnalati fino ad arrivare alla spiaggia.
  • Servizi in loco: Totalmente assenti in questa zona.
  • Spiaggia e mare: E’ caratterizzata da un fondo di sabbia candida e fine tra le più belle di tutta la Sardegna, con la presenza di gigli marini e qualche roccia granitica affiorante dall’acqua e dalla battigia, che rendono il paessaggio veramente incantevole. La spiaggia si presenta letteralmente circondata dalla vegetazione, con una policromia dovuta alla rigogliosa vegetazione sapientemente curata dagli uomini della forestale. Questo paradiso, come se non bastasse, si affaccia in un mare cristallino oltremodo stupendo, dal fondale basso e sabbioso seppur con la presenza di qualche scoglio, e di un colore che abbraccia le diverse tonalità del verde smeraldo, dell’azzurro e del turchese.
  • Protezione dal vento: Protetta ai venti di maestrale.
  • Attività consigliate: SUP, kayak, snorkeling, biking e trekking. 
  • Info utili: Consigliamo di noleggiare una bici in loco, per immergersi totalmente in questo paradiso. Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata Oasi Biderosa
  1. Stagno di Biderosa
  2. Oasi naturalistica Biderosa
  3. Le 5 calette
  4. Dune di Biderosa
INDICE AFFOLLAMENTO MEDIO (2021)
Da Ottobre a Maggio = BASSO
Giugno e Settembre = MEDIO/BASSO
Luglio = MEDIO
Agosto= ALTO

Pomeriggio/Sera

SPIAGGIA
PORTO TAVERNA

Fascino, meraviglia, splendore

Se cercate una spiaggia bellissima, dal mare cristallino, protetta dalle correnti, adatta ai bambini ma anche agli adulti, per la maggior parte libera, ma anche con aree attrezzate con ombrelloni e lettini e parcheggi comodi, dovete sicuramente provare Porto Taverna Situata a una decina di chilometri da Olbia, subito dopo il paese di Porto San Paolo, Porto Taverna è una delle spiagge meno “selvagge” dell’intera zona, ma allo stesso tempodal grande fascino, grazie alla sua meravigliosa sabbia e al mare dai colori che vanno dal verde al turchese. Il tutto al cospetto della spettacolare isola di Tavolara, che con la sua presenza protegge la spiaggia dalla maggior parte delle onde.

  • Parcheggio: Presenti 2 parcheggi distinti a pagamento. 
  • Accesso: Adatto a tutti e raggiungibile facilmente dai 2 diversi parcheggi.
  • Servizi in loco: Presenti diversi bar con stabilimenti balneari
  • Spiaggia e mare: Si tratta di una lunga spiaggia caratterizzata da sabbia dorata, calda, a grani medio fini. Il bellissimo mare cristallino ha un fondale basso e sabbioso, ideale per godersi di bagni in tutta sicurezza. Si presenta di un colore cangiante tra il verde smeraldo e l’azzurro, con prevalenza di quest’ultimo.
  • Protezione dal vento: Poco esposta dai venti di maestrale.
  • Attività consigliate: SUP, kayak, Snorkeling, escursioni in mare.
  • Info utili: Porto Taverna è una grande spiaggia popolare, nei mesi estivi viene presa d’assolto, soprattutto ad agosto. Consigliamo quindi di recarsi la mattina presto (09:30 massimo).
  1. Alba dalla passerella di Porto Taverna
  2. Loiri Porto San Paolo
  3. Piscine naturali di Padru e Ovilò
  4. Escursione Tavolara
INDICE AFFOLLAMENTO MEDIO (2021)
Da Ottobre a Maggio = BASSO
Giugno e Settembre = MEDIO
Luglio = ALTO
Agosto= ALTO

SAN PANTALEO

Il borgo incantato della Costa Smeralda

San Pantaleo è un’oasi di pace dal tocco bohémien e dall’anima artistica, da includere senza pensarci due volte in un tour dell’antica Ichnusa: oltre ad accogliere i suoi visitatori con la tipica ospitalità sarda, il borgo di San Pantaleo ospita infatti ogni anno decine di artisti locali ed internazionali che qui vengono a vivere e creare le loro opere, ispirati dall’ambiente unico e dai paesaggi mozzafiato del territorio circostante. E’ una perla dell’entroterra smeraldino ed un luogo che ha saputo conservare la sua autenticità, pur essendo a due passi da una delle zone più frequentate della Sardegna e dalle meravigliose spiagge della Costa Smeralda.

  • Centro: La piazzetta è sicuramente l’anima del borgo, circondata dalle tipiche case galluresi ed abbracciata dalle sagome delle pareti granitiche che circondano la zona. Pur situato in un ambiente naturale un po’ selvaggio ed isolato, San Pantaleo mescola antichi edifici con moderne boutique ed accosta alla perfezione genuine botteghe artigianali ad atelier all’avanguardia.
  • Mercato di San Pantaleo: La piazza, ogni giovedi da Maggio a Ottobre, è rappresentata dalla più affascinante maestria artigianale degli artisti locali ed è considerato tra i mercatini più belli di tutta la Sardegna. 
  • Rocce della Cugnana: Uno spettacolo unico che regalano viste strepitose sia di giorno, che al tramonto quando vengono tinte di rosa dalla luce calante del sole. Sono il luogo ideale per praticare del trekking e dedicarsi ad emozionanti escursioni outdoor tra boschi, rocce e sentieri nel verde, percorribili anche in mountain bike o a cavallo.

Consigli per cena

Agriturismo DA PAOLINA

  • Location: Santa Teresa (SS) – Entroterra
  • Cucina: Terra (prevalente mare)
  • Budget: €€ (Medio)
  • Recensioni Google: 4,4/5 (428 recen.) 

Trattoria PAPA E CICCIA

  • Location: Santa Teresa (SS) – In città
  • Cucina: Mista (prevalente mare)
  • Budget: €€ (Medio)
  • Recensioni Google: 4,1/5 (606 recen.) 

Ristorante MUITA DI MARI

  • Location: Santa Teresa (SS) – In città
  • Cucina: Mista
  • Budget: €€ (Alto)
  • Recensioni Google: 4,4/5 (129 recen.) 

Agriturismo LI NALBONI

  • Location: Santa Teresa (SS) – Entroterra
  • Cucina: Terra
  • Budget: €€ (Medio)
  • Recensioni Google: 4,4/5 (317 recen.) 

GIORNO 9 (31/08/2022)

MAPPA PERCORSO

ITINERARIO GIORNO 9

Mattina

SPIAGGIA
CALA SPINOSA

piccola perla di Capo Testa

Il contrasto tra i colori brillanti del mare, le calde rocce granitiche e la sabbia dorata infonde un senso di contemplazione al cospetto di bellezza e forza della natura. Piccola e incontaminata, appartata e placida, la meravigliosa Cala Spinosa occupa la parte settentrionale dell’impervio promontorio di Capo Testa, in prossimità del mitico faro guardiano delle Bocche di Bonifacio

  • Parcheggio: Non è presente un vero e proprio parcheggio ma le auto vengono parcheggiate lungo la strada subito dopo il ponte all’ingresso di Capo Testa.
  • Accesso: Difficoltoso per persone anziane e con handicap vista la discesa, in sicurezza ma ripida, dalla strada alla cala passando per il piccolo bar. 
  • Servizi in loco: Totalmente assenti in spiaggia. Presente un piccolo bar in cima, lungo la strada e ben visibile dalla caletta. 
  • Spiaggia e mare: Una spiaggia da visitare assolutamente, caratterizzata da un’incantevole caletta rocciosa, con massi granitici e una spiaggia di sabbia grossa, sassi e ciottoli. Il bellissimo mare cristallino presenta una policromia che varia tra le tonalità del verde smeraldo e dell’azzurro. Il fondale, ben visibile, è prevalentemente roccioso e ricco di anfratti dove trovano rifugio pesci e fauna marina.
  • Protezione dal vento: Poco esposta ai venti di maestrale.
  • Attività consigliate: SUP, kayak, snorkeling.
  • Info utili: Ti consigliamo di recarti presto la mattina (8:30/09:00), è una spiaggia molto piccola e si riempie immediatamente. Zona che si presta molto bene per gli amanti dello snorkeling, vista la ricchezza di fauna e flora marina.
  1. Scoglio La Sirenetta: Posizionato nella parte ovest della spiaggia.
  2. Dune Rena Majori: Posizionate alla fine della spiaggia in direzione Nord, proseguendo a piedi nell’arenile di Rena Majori.
INDICE AFFOLLAMENTO MEDIO (2021)
Da Ottobre a Maggio = BASSO
Giugno e Settembre = MEDIO/ALTO
Luglio = ALTO
Agosto= ALTO

Pomeriggio/Sera

SPIAGGIA
VALLE DELLA
LUNA

Un paradiso e comunità degli hippie

C’è un luogo surreale in Sardegna, dalla bellezza primordiale e fermo nel tempo, un paesaggio ‘lunare’, solitario e selvaggio, pervaso dal profumo di elicriso, ginepro e mirto, con maestosi massi che vento e mare hanno levigato e plasmato in forme originali e insolite, simili a sculture. Cala Grande, ribattezzata ‘Valle della Luna’, è una valle che degrada fino al mare, incastonata tra due costoni granitici, dove compaiono meravigliose calette con acque turchesi che contrastano i colori dorati delle rocce e il verde della macchia mediterranea.

  • Parcheggio: Non è presente un vero e proprio parcheggio, le auto spesso vengono parcheggiate a bordo strada.
  • Accesso: Difficoltoso per persone con handicap e/o persone anziane. Dal parcheggio è necessario seguire un sentiero, senza ombra, fino ad arrivare alla prima cala, dopo circa 25/30 minuti di camminata.
  • Servizi in loco: Totalmente assenti 
  • Spiaggia e mare: La zona è caratterizzata dalla presenza di diverse cale e da un paesaggio a dir poco superlativo. Nascoste tra la roccia granitica e la verde macchia mediterranea, in un ambiente pressoché incontaminato e caratterizzato dalla presenza di una piccola e stabile comunità hippie, che d’estate raddoppia di numero, troviamo tre bellissime calette rocciose: Cala di Mezzo, Cala Grande e Cala di L’Ea. Un bellissimo mare circonda la Valle, con dei colori tra l’azzurro ed il verde, ed acque limpide e cristalline.
  • Protezione dal vento: Esposta ai venti di maestrale.
  • Attività consigliate: SUP, kayak, trekking, biking. 
  • Info utili:  La cala numero 1 è quella che si riempie per prima, consigliamo la caletta numero 3 anche in termini di bellezza. Zona incontaminata e che merita rispetto sotto ogni punto di vista. La piccola comunità di Hippie che ormai ci vive da più di 30 anni sarà una bella scoperta per voi.
  1. Monte La Turri all’interno della Valle Della Luna tra le diverse calette.
  2. Fontana La Turri
  3. Antica Cava Romana
  4. Roccia del Dinosauro
INDICE AFFOLLAMENTO MEDIO (2021)
Da Ottobre a Maggio = BASSO
Giugno e Settembre = MEDIO/BASSO
Luglio = MEDIO/ALTO
Agosto= ALTO

VIEWPOINT CAPO TESTA

un panorama surreale, mozzafiato e lunare

Da questo splendido viewpoint potrete godere di un panorama surreale e mozzafiato, quasi lunare. La stranezza delle rocce e l’intensità del blu del mare inondano gli occhi in un trionfo paesaggistico molto raro da vedere. Perfetto in ogni ora del giorno, si raccomandano scarpe adatte per muoversi sulle rocce.

  • Raggiungibile in: Qualsiasi mezzo a motore e non.
  • Parcheggio: Presente
  • E’ prevista una camminata: Si, pochi minuti per arrivare al Belvedere dal parcheggio.
  • Orario ideale: Tramonto o durante tutto il giorno.
  • Punto ristoro nei dintorni:  Alcuni punti ristoro presenti nella via del parcheggio.

Consigli per cena

Agriturismo DA PAOLINA

  • Location: Santa Teresa (SS) – Entroterra
  • Cucina: Terra (prevalente mare)
  • Budget: €€ (Medio)
  • Recensioni Google: 4,4/5 (428 recen.) 

Trattoria PAPA E CICCIA

  • Location: Santa Teresa (SS) – In città
  • Cucina: Mista (prevalente mare)
  • Budget: €€ (Medio)
  • Recensioni Google: 4,1/5 (606 recen.) 

Ristorante MUITA DI MARI

  • Location: Santa Teresa (SS) – In città
  • Cucina: Mista
  • Budget: €€ (Alto)
  • Recensioni Google: 4,4/5 (129 recen.) 

Agriturismo LI NALBONI

  • Location: Santa Teresa (SS) – Entroterra
  • Cucina: Terra
  • Budget: €€ (Medio)
  • Recensioni Google: 4,4/5 (317 recen.) 

GIORNO 10 (01/09/2022)

MAPPA PERCORSO

ITINERARIO GIORNO 10

Mattina

SPIAGGIA
LI COSSI

La perla di Costa Paradiso

 Li Cossi è una delle spiagge più belle e affascinanti della Sardegna settentrionale, perla di Costa Paradiso, rinomata borgata turistica nel territorio di Trinità d’Agultu e Vignola, raro caso di Comune formato dall’unione di due località, la prima nell’entroterra, la seconda sulla costa, all’estremo limite occidentale della Gallura. Il piccolo ‘gioiello’ si apre in una cala riparata dal vento, chiusa da scogliere di trachite rosa, che si stagliano imponenti sul mare e avvolgono la caletta, disegnando forme particolari che ti faranno sentire protetto, in totale relax, disteso sui granelli di sabbia dorata. Il fondale è sabbioso, basso e dolcemente digradante vicino alla riva, particolarmente adatto alla balneazione e ai giochi dei bambini

  • Parcheggio: Presente nello spiazzo del piccolo porticciolo. Adatto a tutti.
  • Accesso: Non adatto a persone in carrozzina. E’ presente un sentiero costiero tracciato che vi porterà alla spiaggia dopo 15/20 minuti di camminata.
  • Servizi in loco: Presente solo un piccolo stabilimento balneare.
  • Spiaggia e mare: Sabbia di un beige chiaro e piuttosto fine, bagnata da un meraviglioso mare cristallino con un fondale poco profondo e sabbioso, con la presenza di scogli dai colori variegati, affioranti dall’acqua. Questo mare ha un bellissimo colore verde smeraldo intenso. Attorno alla spiaggia, la roccia si alza per diversi metri, proteggendola dai venti rendendo il paesaggio molto suggestivo, con la lussureggiante macchia mediterranea che svetta da ogni punta di questi bellissimi corpi rocciosi.
  • Protezione dal vento: Esposta dai venti di maestrale.
  • Attività consigliate: SUP, kayak, snorkeling, hiking e trekking. 
  • Info utili: Durante la stagione estiva consigliamo di recarsi la mattina presto. Ideale per relax, snorkeling ma anche trekking costiero. 
  1. Scarica gratuitamente la nostra Brochure su Alghero, creata appositamente per i nostri clienti.
  2. Affidati al nostro servizio di Tours guidati da Alghero, tra spiagge remote, villaggi, popolo locale e delizie enogastronomiche.
  3. Costa Paradiso e Trekking costiero
INDICE AFFOLLAMENTO MEDIO (2021)
Da Ottobre a Maggio = BASSO
Giugno e Settembre = MEDIO
Luglio = MEDIO/ALTO
Agosto= ALTO

CASTELSARDO

una roccaforte medioevale, uno dei borghi più belli d'Italia

Forse in età romana era la mitica Tibula, nel Medioevo è di certo stato per secoli fortezza inespugnabile, protetta da possenti mura e 17 torri, fino all’avvento delle armi moderne. Il nucleo originario di Castelsardo fu costruito attorno al castello dei Doria, risalente, secondo tradizione, al 1102, ma più verosimilmente a fine XIII secolo, attuale sede del suggestivo museo dell’Intreccio mediterraneo, uno dei più visitati della Sardegna. Uno dei borghi più belli d’Italia è una roccaforte medioevale, caratterizzata da natura, storia, tradizioni artigiane e religiose: benvenuti a Castelsardo.

  • Museo dell’intreccio meditrraneo: Il Museo dell’intreccio Mediterraneo, MIM, sito all’interno della fortezza dei Doria, si propone come luogo ideale per preservare l’antica tradizione dell’intreccio.
  • Castello dei Doria: Il luogo e forse una prima fortificazione furono fondati nel 1102, il castello come tale solo nel XIII secolo (probabilmente intorno al 1270) dalla nobile famiglia genovese Doria come “Castel Genovese” o “Castrum Januae” con grande importanza strategica. Fino al XV secolo, la città e il castello erano la sede dei Doria e servivano a dominare i possedimenti nella nord Sardegna. 
  • Cattedrale di Sant’Antonio Abate: Ti stupirà la torre campanaria a picco sul mare chiusa da una cupola maiolicata e con le cripte sottostanti, che ospitano il museo ‘Maestro di Castelsardo’.
  1. Scarica gratuitamente la nostra Brochure su Castelsardo, creata appositamente per i nostri clienti.
  2. Affidati al nostro servizio di Tours guidati da Alghero, tra spiagge remote, villaggi, popolo locale e delizie enogastronomiche.
  3. Museo dell’intreccio mediterraneo

Pomeriggio/Sera

VIEWPOINT ROCCIA DELL'ELEFANTE

Tra storie e leggende una splendida attrazione

cosa vedere sedini roccia dell'elefante

un grosso masso di roccia vulcanica (la trachite e l’andesite) dal forte color ruggine, notevolmente eroso dagli agenti atmosferici che gli hanno conferito il singolare aspetto di un pachiderma seduto. Originariamente il masso faceva parte del complesso roccioso di monte Castellazzu dal quale si distaccò rotolando a valle. Di recente la Roccia dell’Elefante è entrata a fa parte della lista dei cosiddetti “oggetti fuori dal tempo”, nella quale rientrano tutti quegli oggetti, monumenti, rocce naturali o bassorilievi che non sarebbero dovuti esistere, perché il loro aspetto rappresenta qualcosa di troppo complesso da fabbricare o realizzare se rapportato all’epoca in cui hanno avuto origine. Oggi la Roccia dell’Elefante, oltre a costituire un’importante attrazione turistico-paesaggistica, riveste anche una notevole rilevanza archeologica grazie alle sue due domus de janas, strutture sepolcrali preistoriche costituite da tombe scavate nella roccia tipiche della Sardegna prenuragica (il periodo precedente alla civiltà nuragica, che va dal VI millennio a.C. alla fine del III millennio a.C.).

  • Raggiungibile in: Qualsiasi mezzo a motore e non.
  • Parcheggio: Presente a bordo strada
  • E’ prevista una camminata: No
  • Orario ideale: Durante tutto il giorno.
  • Punto ristoro nei dintorni:  Assenti Caccia ed un piccolo bar presente a Cala Dragunara.

VIEWPOINT VALLE DELLA LUNA DI AGGIUS

rocce di strane forme e strade panoramiche

Tra le cose da fare nel borgo Bandiera Arancione di Aggius sicuramente ai primi posti c’è il percorso sulla strada panoramica della Valle della Luna. Per i naturalisti delle Università sarde è un “unicum”, raffrontabile con poche altre aree similari nella penisola e nel continente europeo. Ma le fogge strane e bizzarre delle emergenze granitiche che la caratterizzano, la loro diffusione all’interno di un’ampia conca racchiusa da una corona di creste anch’esse granitiche, cangianti al mutar della luce nell’arco della giornata, le conferiscono una certa spettacolarità, e un aspetto di forte suggestione anch’esso unico e singolare. La Valle della Luna è una distesa pianeggiante ma non uniforme, in piena armonia con la morfologia dell’altopiano gallurese circostante, ricadente nel cuore del territorio comunale del borgo Bandiera Ararncione di Aggius, circoscritta da una serie di colline arrotondate, dalle frastagliate cordigliere del Resegone di Aggius e dal massiccio di Pulchiana, siti di per se dalla grande valenza paesaggistica e naturalistica. Dal suo viewpoint, tra un aperitivo ed uno snack, ammirerete tutto questo splendore, tra cui la strada panoramica appena percorsa.

  • Raggiungibile in: Qualsiasi mezzo a motore e non.
  • Parcheggio: Presente
  • E’ prevista una camminata: No
  • Orario ideale: Tutto il giorno.
  • Punto ristoro nei dintorni:  Presente nel viewpoint della Valle Della Luna.

AGGIUS

Lo splendido borgo immerso nelle pietre granitiche

Nel cuore della Gallura sorge un caratteristico borgo, che ti colpirà per la cura delle sue case in pietra granitica, considerate fra le più belle del territorio.
 Non a caso, l’economia di Aggius è basata su estrazione e lavorazione del granito, ma il paese è specializzato e famoso anche per produzione di tappeti, e in generale per l’arte della tessitura. Non solo, il paese ha anche ricevuto il riconoscimento Bandiera Arancione da parte del Touring club italiano. Passeggiando per il magnifico borgo non bisogna perdere il museo etnografico intitolato a Oliva Carta Cannas, al cui interno sono esposti oggetti e macchinari originali che raccontano storia, cultura e tradizioni di tutta la Gallura. Un altro museo cittadino, unico nel suo genere, è quello dedicato al banditismo ospitato nel palazzo della ‘vecchia Pretura’. Nei dintorni un paradiso naturale, la Valle Della Luna di Aggius, siti archeologici e stazzi galluresi. Sarà un’immersione nell’anima della Sardegna.

  • Centro Storico: Nel centro storico del paese, l’elemento predominante è il granito a vista, presente nelle murature degli edifici e nelle pavimentazioni di vie, vicoli e piazzette. Passeggiare nelle strette viuzze vi consentirà di esplorare il piccolo paese, tra arte e tradizione visibile ed esposta ovunque.
  • Parrocchia di Santa Vittoria: Stando ai documenti rintracciati in Curia Vescovile, fu eretta nel 1536. La struttura interna si presenta in uno stile Romanico-Barocco a croce latina con tre navate delimitate da archi molto alti
  • La chiesa della Madonna d’Itria: Isolata rispetto alle altre, fu costruita nel 1750 dalla famiglia Tirotto, in ringraziamento alla Madonna per il ritorno di un familiare caduto nelle mani dei Saraceni.
  • Museo del Banditismo: Senza correre il rischio di mitizzare la figura del fuorilegge e di esaltarne le sue gesta, l’obiettivo del museo è quello di diffondere valori positivi per la costruzione di una mentalità che favorisca l’affermarsi della legalità e della moralità pubblica a ogni livello. In un territorio come quello gallurese, protagonista del fenomeno del banditismo per circa tre secoli, questo polo culturale s’inserisce perfettamente, offrendo ai visitatori e ai residenti una panoramica su documenti, foto, filmati, oggetti e testimonianze del passato, ma soprattutto cercando di stimolare riflessioni su un futuro da costruire insieme. 
  • MEOC: Il Museo Etnografico Oliva Carta Cannas è un vero tesoro dell’Isola, situato all’interno di una struttura suggestiva per l’ampiezza degli ambienti espositivi e la particolare cura con cui è stata realizzata, che integra magistralmente la maestosità del granito, con spazi verdi. L’esposizione museale racchiude in sé tutta la ricchezza della storia, delle tradizioni e della cultura popolare gallurese, dal 1600 ai nostri giorni. 
  • Parco Della Degna: Un ottima location per fare una pausa pic nic e godere dei vari sentieri immersi in una natura incontaminata e spettacolare. Oltre a questo un paio di laghetti con un tripudio di vita tra cigni, anatre, pesci e tartarughe.
  • La Strada Panoramica nella Valle Della Luna: La magia di immense rocce di granito levigate in strane forme nel corso dei milioni di anni. In una magnifica strada da percorrere in auto/moto/camper di circa 3 km potrete godere di uno spettacolo unico: un paesaggio ed una vista più unica che rara.

Consigli per cena

Trattoria IL MOSTO

  • Location: Aggius (SS) – in città
  • Cucina: Misto
  • Budget: €€ (Medio)
  • Recensioni Google: 4,7/5 (494 recen.) 

Agriturismo IL MUTO DI GALLURA

  • Location: Aggius (SS) – Fuori città
  • Cucina: Terra
  • Budget: €€€ (Alto)
  • Recensioni Google: 4,4/5 (398 recen.) 

Agriturismo VINTURA

  • Location: Aggius (SS) – Fuori città
  • Cucina: Terra
  • Budget: €€ (Medio)
  • Recensioni Google: 4,7/5 (41 recen.) 

Punto ristoro NURAGHE MAJORI

  • Location: Aggius (SS) – Fuori città
  • Cucina: Terra
  • Budget: € (Basso)
  • Recensioni Google: 4,6/5 (336 recen.) 

GIORNO 11 (02/09/2022)

MAPPA PERCORSO

ITINERARIO GIORNO 11

Mattina

SPIAGGIA
TALMONE

Mare trasparente tra i riflessi delle rocce granitiche

Calette rocciose piuttosto incantevoli per le loro rocce granitiche di colore grigio chiaro, che si affacciano in un mare trasparente, dal fondale di media profondità, caratterizzato dalla presenza di piccoli anfratti nei quali la fauna marina trova riparo e dimora. Noterete un mare di un colore che cambia tra il verde smeraldo e l’azzurro. Attorno alla cala è presente una rigogliosa macchia mediterranea.  Seguendo l’indicazione Costa Serena, oltrepassato il residence, alla fine della strada troverete una rotonda. Alla destra della rotonda raggiungerete la spiaggia attraverso un sentiero di circa 10-15 minuti. Il percorso non è difficile per chi è abituato a passeggiare, ma a volte è un po’ stretto e si consigliano  quindi scarpe chiuse . Prima di arrivare alla spiaggia Talmone incontrerete altre calette molto suggestive. E’ un angolo di paradiso, con monoliti granitici che si immergono nell’acqua cristallina e che rendono questo luogo magico dove anche in piena estate si può riposare nel silenzio più totale, cullati solo dal suono delle onde del mare.

  • Parcheggio: Presente e gratuito in una piazzola o lungo il bordo strada.
  • Accesso: Non adatto a persone in carrozzina. E’ presente un sentiero tracciato, costiero, che vi porterà in spiaggia dopo 15 minuti di camminata.
  • Servizi in loco: Totalmente assenti
  • Spiaggia e mare: Il mare è cristallino, con colorazione tra il verde smeraldo e l’azzurro. Ha un fondale misto sia sabbioso che roccioso, di media profondità. La sabbia è di colore ambrato e i monoliti granitici che si immergono nell’acqua rendono il paesaggio incantevole.
  • Protezione dal vento: Esposta ai venti di maestrale.
  • Attività consigliate: SUP, kayak, snorkeling, hiking e trekking. 
  • Info utili: Durante la stagione estiva consigliamo di recarsi la mattina presto. Ideale per relax e snorkeling. Contattateci se avete voglia di esplorare la zona attraverso un trekking costiero
  1. Batteria Talmone: Un’importante testimonianza della storia militare del nostro Paese e della dura vita quotidiana dei soldati: le lunghe ore trascorse a scrutare il mare dalla torretta di avvistamento, le camerate, la stazione di puntamento, l’implacabile solitudine.
  2. Faro Punta Sardegna
  3. Calette Punta Don Diego
INDICE AFFOLLAMENTO MEDIO (2021)
Da Ottobre a Maggio = BASSO
Giugno e Settembre = MEDIO
Luglio = MEDIO/ALTO
Agosto= ALTO

Pomeriggio/Sera

SPIAGGIA
VALLE DELL'ERICA

Splendide e piccole calette di fronte ad un mare cristallino

Per arrivare in zona Valle Dell’Erica passerete vicino alla spiaggia più popolare e nota, La Licciola. In tutta la zona costiera si alternano spiagge e romantiche calette che offrono l’emozione ormai rara di una vacanza naturale ma esclusiva. Di fronte a voi lo spettacolo delle isole incontaminate del Parco Nazionale di La Maddalena: Budelli con la sua famosissima Spiaggia Rosa, La Maddalena che con la sua cittadina illumina l’orizzonte dal calar della sera, Spargi, Santa Maria, fino a perdere lo sguardo nell’Arcipelago Corso con le meravigliose isole di Lavezzi e Cavallo. Per vivere il mare, qua, avrete solo l’imbarazzo della scelta.

  • Parcheggio: Presente un parcheggio a pagamento, quello de La Licciola.
  • Accesso: Adatto a tutti. Dal parcheggio accesso diretto alla spiaggia tramite un facile sentiero.
  • Servizi in loco: Totalmente assenti ma presenti nella spiaggia La Licciola 
  • Spiaggia e mare: Si tratta di una serie di piccole calette con sabbia chiara molto fine. Sono presenti piccoli massi e scogli in alcune parti dell’arenile, di colore grigio chiaro che rendono la zona suggestiva e particolare grazie anche ai contrasti con la bellissima e fitta macchia mediterranea che si perde fin sopra le montagne. Il bellissimo mare trasparente si presenta con una policromia cangiante tra l’azzurro, il blu ed il verde smeraldo, con un fondale basso e prevalentemente sabbioso, ideale per immergersi in piena tranquillità.
  • Protezione dal vento: Poco esposta ai venti di maestrale.
  • Attività consigliate: SUP, kayak, trekking, biking. 
  • Info utili:  Zona raggiungibile con un piccolo percorso a piedi, adatto anche a famiglie con bambini. I punti ristoro sono presenti nella spiaggia affianco, La Licciola. Zona frequentata molto dagli ospiti del resort di lusso, ecosostenibile, di Valle Dell’Erica.
  1. Scoglio della Colombaia
INDICE AFFOLLAMENTO MEDIO (2021)
Da Ottobre a Maggio = BASSO
Giugno e Settembre = MEDIO
Luglio = MEDIO/ALTO
Agosto= ALTO

PALAU

Lo splendido borgo inserito in una straordinaria insenatura

Acque azzurre e limpide e rocce scolpite la rendono unica. Palau è incastonata in un’insenatura riparata dalla tramontana, a fianco all’esclusiva Costa Smeralda di fronte all’incantevole parco dell’arcipelago della Maddalena. La vita del borgo, nato a fine XIX secolo e abitato da quattromila residenti in inverno e da decine di migliaia di turisti d’estate, si muove intorno a turismo e porto. Locali, luci ed eventi animano le notti estive. E un posto ideale per fare una passeggiata, ammirare i magnifici Murales, acquistare un pezzo di artigianato nel mercatino serale e vedere la baia dal bellissimo punto panoramico Baragge.

  • Centro Storico: Nel centro storico del paese è facile fare delle panoramiche passeggiate tra piccoli negozi di artigianato e murales. Magnifico proseguire lungo il porto, dove sono presenti numerosi locali serali per aperitivo e dopo cena. 
  • Chiesa di Nostra Signora delle Grazie. E’ la chiesa parrocchiale di Palau, che nasce quando, nel 1928, vengono assegnati alla frazione Palau diversi stazzi in territorio di Arzachena, e vengono determinati provvisoriamente i confini della nuova chiesa, distaccandola dalla parrocchia di Arzachena ed erigendola canonicamente a parrocchia nel 1943. Si tratta di uno tra i luoghi religiosi da non perdere a Palau, caratterizzata dalle vetrate artistiche di Marino Sergiusti, nelle quali viene proposto il messaggio biblico con scene dell’Antico e del Nuovo Testamento. eretta nel 1536. 
  • Fortezza di Monte Altura: Fortificazione militare del XIX secolo con la caratteristica scalinata centrale che collega i due principali piani dell’edificio. La fortezza si visita esclusivamente in compagnia di una guida che racconta la storia della fortezza e come era organizzata la vita e il lavoro al suo interno. Scegliete un’orario di visita prima di recarvi in biglietteria in modo da essere pronti per iniziare la visita con la guida. 
  • Museo Enografico: Il museo racconta la vita nello stazzo gallurese, l’antica abitazione delle campagne del nord Sardegna su cui era fondato il governo e l’economia del territorio. Tra antichi arredi, utensili di cucina, strumenti di lavoro, la visita permette di di conoscere le tradizioni agropastorali della Gallura e farne memoria. Si tratta di due gradi saloni suddivisi in alcuni sezioni a tema: la casa, la vitivinicoltura e l’agricoltura, l’allevamento, i mezzi di trasporto, i mestieri fabbro, falegname e calzolaio. Il museo si trova sulla via principale del paese, Via Nazionale, al numero 111.
  1. Museo Etnografico : Per info su orari e costi.

Consigli per cena

Agriturismo DA PAOLINA

  • Location: Santa Teresa (SS) – Entroterra
  • Cucina: Terra (prevalente mare)
  • Budget: €€ (Medio)
  • Recensioni Google: 4,4/5 (428 recen.) 

Trattoria PAPA E CICCIA

  • Location: Santa Teresa (SS) – In città
  • Cucina: Mista (prevalente mare)
  • Budget: €€ (Medio)
  • Recensioni Google: 4,1/5 (606 recen.) 

Ristorante MUITA DI MARI

  • Location: Santa Teresa (SS) – In città
  • Cucina: Mista
  • Budget: €€ (Alto)
  • Recensioni Google: 4,4/5 (129 recen.) 

Agriturismo LI NALBONI

  • Location: Santa Teresa (SS) – Entroterra
  • Cucina: Terra
  • Budget: €€ (Medio)
  • Recensioni Google: 4,4/5 (317 recen.) 

GIORNO 12 (03/09/2022)

MAPPA PERCORSO

ITINERARIO GIORNO 12

Mattina

NURAGHE
SANTA BARBARA

Maestoso complesso nuragico

Al chilometro 145 della statale 131 (bivio per Macomer-Birori in direzione Sassari), lo vedrai svettare in un ripiano basaltico sulle pendici del monte Manai, in posizione dominante sulla piana di Abbasanta. Lasciata la principale arteria stradale sarda, imboccherai una stradina in salita e dopo pochi passi, ammirerai in tutta la sua maestosità il nuraghe Santa Barbara, che prende nome dai ruderi della chiesa campestre dedicata alla santa. È un’architettura di tipo complesso, costituita da una torre centrale e da un bastione quadrilobato, alto quasi nove metri, che racchiude un cortile a cielo aperto. Qua, nel tuo tour, farai un ritorno al passato.

  • Orario: Aprile/Ottobre dalle ore 10:00 – 16:30
  • Accesso:  Per tutti, anche persone anziane o con disabilità.
  • Ticket d’ingresso: Intero € 4,00 a persona. 
  • Prenotazione: Necessaria Nella sezione Link Utili maggiori info
  • Abbigliamento: Comodo adatto alla stagione, crema solare, almeno 2 Lt. d’acqua
  • Recensioni Google: Numero recensioni 116; Giudizio 4,6/5
  • Consigli: Per una visita dettagliata consigliamo di richiedere una guida turistica. Si può ammirare e leggere le spiegazioni, ma è sicuramente maggiore il coinvolgimento se avete a che fare con una guida preparata e professionale. Consigliamo inoltre di visitare anche il complesso di Tamuli e la necropoli di Filigosa.
  1. Affidati al nostro servizio di Tours guidati da Alghero, tra spiagge remote, villaggi, popolo locale e delizie enogastronomiche.
  2. Esedra Escursioni:  Società di escursioni e coloro che gestiscono il sito archeologico di Santa Barbara.

COMPLESSO DI SANTA CRISTINA

Il misterioso e suggestivo tempio a pozzo nuragico

Si trattiene il respiro, un brivido scuote il corpo, il silenzio del tempo che racconta leggende di un popolo lontano e di calendari precisi. Il più rappresentativo, meglio conservato, suggestivo e misterioso tempio a pozzo nuragico della Sardegna. È la massima espressione architettonica di una civiltà, quella nuragica, risalente a 3.500 anni fa. Un simbolo, quello dell’acqua, che arriva da molto lontano. Di una cosa siamo certi, questo era un luogo speciale. 

  • Orario: Tutti i giorni dalle ore 8:30 – tramonto. 
  • Accesso:  Per tutti, anche persone anziane o con disabilità.
  • Ticket d’ingresso: Intero € 7,00 a persona. 
  • Prenotazione: Necessaria Nella sezione Link Utili maggiori info
  • Abbigliamento: Comodo adatto alla stagione, crema solare, almeno 2 Lt. d’acqua
  • Recensioni Google: Numero recensioni 1766; Giudizio 4,8/5
  • Consigli: Per una visita dettagliata consigliamo di richiedere una guida turistica. Si può ammirare e leggere le spiegazioni, ma è sicuramente maggiore il coinvolgimento se avete a che fare con una guida preparata e professionale.